Concimare al momento giusto

Dal punto di vista biologico, un prato è una monocultura. Il taglio frequente richiede uno sforzo continuo di crescita, causa quindi una fatica notevole a suolo e piante. Per un tappeto erboso sano è quindi indispensabile una concimazione regolare.

Concimare – per una rigenerazione naturale del prato
E ‘consigliabile dare supporto al suolo con una concimazione regolare. L’aiuto più efficace in questo senso, lo potrà dare un concime biologico ad azione durevole. Per garantire un approvvigionamento equilibrato del prato, si raccomandano una concimazione in primavera e una in autunno.

Concimare in armonia con la natura
Concimate l’erba come lo fa anche la natura – iniziando con un’applicazione molto tardi in autunno.
Il momento giusto è quando si percepisce, che la fase di riposo del prato ha inizio e le temperature si abbassano costantemente sotto i 10° C.

Ora il suolo sotto l’erba ha bisogno di un rinforzo per passare bene l’inverno. I nutrienti introdotti possono essere assorbiti nel modo ottimale e aiutano l’attività del suolo durante l’inverno.

La prossima primavera inizierà soltanto, quando il suolo, spesso ghiacciato durante l’inverno, si sarà sciolto e riattivato completamente. Temperature costantemente più calde e una crescita visibile dell’erba significano, che il terreno ora è ricettivo. Il suolo ben nutrito ha ancora la forza per alimentare il prato nei primi mesi dell’anno. Per questa ragione, la concimazione pianificata per la primavera non sarà necessaria prima di aprile o maggio.

L’argomento onnipresente della „scarificazione“ non dovrebbe più esistere per un giardiniere che irriga e concima nel modo giusto e falcia l’erba a un’altezza corretta.

Postare un commento